MO.CA

MO.CA

MO.CA

14.12

Codici Magici – Day 1

dalle ore 9:30 alle 18:30

Sala Danze

TEMA SESSIONE
9:30 – 13:00
| Il magico divario dell’implementazione

9:30 – 10:30 

Moderni alchimisti e apprendisti stregoni. Miti e narrazioni della IA, tra scienza e magia | Antonio Santangelo

Oggi l’intelligenza artificiale viene sempre più spesso raccontata, sia nei media, sia nella saggistica divulgativa, come se fosse una tecnologia magica, capace di realizzare alcuni miti atavici, come sapere tutto, predire il futuro, creare nuove forme di vita in cui sia contenuta solo la parte migliore degli esseri umani, come quando gli alchimisti si proponevano di trasformare in oro i metalli meno preziosi. Qualcuno, addirittura, rappresenta questa tecnologia come uno strumento così potente che potrà rendere gli esseri umani dei, paventando, però, che come dei maldestri apprendisti stregoni, si possa perderne rovinosamente il controllo. In tutti questi casi, l’effetto che si produce è quello che in inglese si definisce “hype”, una risonanza che porta l’intelligenza artificiale all’attenzione generale, caricandola di enormi attese, che secondo molti sono esagerate e servono solo a far guadagnare le grandi aziende che la producono. Cosa c’è, dunque, di vero, dietro questa tendenza a rappresentare l’IA come lo strumento magico per antonomasia del tempo presente? Quali sono le critiche che vengono mosse a questo tipo di narrazione? Cosa ci si deve  davvero aspettare per il futuro?

10:30 – 11:30

A kind of magic. Le arti digitali fra falsi miti, ritualità e pensiero magico | Federica Patti

L’intervento propone una panoramica sulle diverse pratiche e sui linguaggi artistici contemporanei che, da inizio Millennio a oggi, in totale co autorialità con sistemi tecnologici espressamente individuati e sviluppati, indagano e propongono un’esperienza estetica complessa e aumentata, capace di valorizzare sensorialità ed emozioni, ma anche di indurre una maggiore confidenza e consapevolezza dell’ambiente digitale in cui interagiamo.

L’intervento vuole inquadrare il contesto generale delle arti digitali e delle digital performance: una vasta gamma di declinazioni estetiche in cui l’interazione con la tecnosfera può essere riletta anche secondo diverse reinterpretazioni del pensiero magico. Nei lavori di artist3, musicist3 e performer presentati, la sperimentazione elettronica incontra algoritmi e intelligenze artificiali, ambienti virtuali e nuovi formati, combinando antiche tradizioni con i linguaggi delle subculture di internet. La tecnologia diviene ambiente e strumento per riappropriarsi di narrazioni storiche e/o futuristiche altre, spurie, secondarie. Nei formati e nei contenuti, queste produzioni cercano di aprire spazi postcoloniali, postumani e dimensioni queer, trasgredendo i confini e guardando a pratiche collettive di comunità. Attraverso le esperienze artistiche, il magico può essere visto come forza politica per il cambiamento sociale, e aggiungere una visione multidimensionale alle vite e alla società mediale, abilitando forme non commerciali di narrazione, interazione e partecipazione, oltre a piattaforme condivise di comunità.

11:30 – 12: 30

Un mondo senza rumore: Tecnologia, Inconscio e Magia | Carloalberto Treccani

Le tecnologie per la cancellazione del rumore, grazie ai recenti sviluppi nell’ambito del machine learning, sono oggi onnipresenti in smartphone e app per rimuovere automaticamente elementi indesiderati e spiacevoli dai nostri selfie. In questa presentazione, Carloalberto Treccani mostrerà come il loro utilizzo sembra tuttavia essere legato a continue ansie e insoddisfazioni verso l’immagine di sé, e alla crescente richiesta di ‘un mondo senza rumore’.

TEMA SESSIONE

14:30 – 18:30  | Verso il reincantamento del mondo

14:30 – 15:30

Introduzione al Rural Computing | Federico Poni

L’artista Federico Poni introduce il concetto di Rural Computing: un modo di concepire la computazione in una prospettiva prettamente olistica, che va dal “consumo” passivo alla produzione di dispositivi, considerando criticamente la questione metafisica di essa. L’artista illustra questo concetto spaziando da temi come la cultura della riparabilità e l’ineffabile, alla telepatia e convivialità.

Questo modello di Rural Computing è stato applicato ad Habitat, un centro cult(r)urale sugli Appennini Tosco-Romagnoli e il cui apparato teorico viene esposto nella tesi del Master Experimental Publishing (Piet Zwart Institute, Rotterdam) dello stesso artista.

15:30 – 16:30

A Language of What may Not Be Said | Lundahl & Seitl

In questo intervento, Lundahl & Seitl riflettono sul ruolo della tecnologia nel proprio lavoro e sul modo in cui essa si relaziona ad aspetti quali la libertà e il controllo nel processo di fruizione dell’opera d’arte da parte dei visitatori.

I concetti di libertà, autonomia e ciò che è reale, immaginato e percepito, vengono affrontati in un’indagine sulla realtà virtuale, non come una forma tecnologica, ma come una sensibilità o capacità di relazione con l’ambiente che ci circonda, con una maggiore consapevolezza su come la tecnologia ci forma e getta le basi per una umwelt umana – come ci connette e disconnette l’uno dall’altro e da altre forme e processi di vita.

Da oltre quindici anni, Lundahl & Seitl hanno sviluppato una pratica in cui opere d’arte complesse esistono all’interno e attraverso la percezione e le proiezioni del visitatore. Grazie al loro approccio euristico con il processo artistico e alle collaborazioni interdisciplinari, il duo ha sviluppato un metodo e una forma d’arte che includono la messa in scena, il movimento coreografico, le istruzioni e le tecnologie immersive, giustapposte agli oggetti materiali e alla capacità umana di organizzare la percezione per creare un mondo.

L’intervento di Lundahl & Seitl fa da momento introduttivo all’esperienza collettiva della loro opera “Tail of the Hen”.

In this talk, Lundahl & Seitl reflect on the role of technology in their work and how it relates to freedom and control in the visitors’ process of enacting the artwork as a score.

Notions of freedom, autonomy, and what is real, imagined, and perceived are negotiated in an investigation of virtual reality, not as a form of technology but as an ability or sensibility to the relationship we create with our surroundings with an increased insight how technology makes us and lay the ground for our human umwelt – how it connects and disconnects us from each other and other lifeforms and processes.

For over fifteen years, Lundahl & Seitl have developed a practice where complex artworks exist in and through the perception and projections of the visitor.  Through their heuristic relationship to process, and collaborations across disciplines, the duo has developed a method and an artform comprising staging, choreographed movement, instructions, and immersive technologies juxtaposed with material objects and the human ability to organise perception into a world.

Lundhal & Seitl’s talk acts as an introduction to the collective experience of their work “Tail of the Hen.”

The work is presented in collaboration with Future Storytelling Lab Zwolle – ArtEZ (NL), School of the Creative and Performing Arts – University of Calgary (CA), STREAMING MUSEUM (US) and Walkin Studios (IN)

Codici Magici è un progetto prodotto e promosso da: MO.CA – centro per le nuove culture;

Co-promosso da: Fondazione Brescia Musei e Comune di Brescia;

In collaborazione con: Avisco ETS

Partecipanti // Participants

Simposio // Symposium: Claudia Attimonelli / Mara Oscar Cassiani / Lundahl & Seitl / Massimiliano Mollona / Federica Patti / Federico Poni / Antonio Santangelo / Vincenzo Susca / Carloalberto Treccani

Laboratori // Workshops: Mara Oscar Cassiani / Federico Poni

Video screening: Renée Carmichael / Zach Blas / Tara Kelton / Michael Takeo Magruder / Tabita Rezaire / Ginevra Petrozzi / Reincantamento / Matteo Zamagni

Performance partecipative // Participatory performances: Lundahl & Seitl / Ginevra Petrozzi

Performance sonore // Sound performances: Mik Quantius / Spettro

A cura di // Curated by Sara Bortoletto e Marialaura Ghidini

Partners

La performance di Lundahl & Seitl è in collaborazione con Future Storytelling Lab Zwolle – ArtEZ (NL), School of the Creative and Performing Arts – University of Calgary (CA), STREAMING MUSEUM (US) e Walkin Studios (IN)”.

Potrai disiscriverti in qualsiasi momento cliccando il link nel footer delle nostre comunicazioni e-mail, oppure contattandoci.
We use Mailchimp as our marketing platform. By clicking below to subscribe, you acknowledge that your information will be transferred to Mailchimp for processing. Learn more about Mailchimp’s privacy practices here.

Richiesta Sale

MO.CA è un centro culturale italiano che offre l’opportunità di celebrare cerimonie, organizzare mostre ed eventi privati nelle sale nobili di Palazzo Martinengo Colleoni.
Le sale a disposizione si trovano al piano terra e al primo piano. 

Bandi

MO.CA è un centro culturale che promuove attività di ricerca e nuove idee d’impresa.
Partecipa ai bandi sotto riportati e verifica le scadenze. C’è bisogno di te!

Nessun bando attualmente aperto

Orari

& Contatti

MO.CA Uffici

Lun / Gio 9:00 — 17:30
Ven 9:00 — 16:00
030 297 8831
[email protected]

Ma.Co.f
Centro della Fotografia Italiana + Biblioteca Amaduzzi

Mar / Dom 15:00 — 19:00
366 380 4795
[email protected]

Idra Teatro

Lun / Ven 9:30 — 18:00
339 296 8449
[email protected]

Informagiovani

Lun 10:00 — 13:00
Mar, Mer, Ven 15:00 — 18:00
Gio 17:30 — 20:30
342 099 5792
[email protected]

Urban Center Brescia

Lun / Ven 9:00 — 12:00 | 14:30 — 17:00
030 297 8770
[email protected]

Bazzini Consort

Lun / Ven 10:00 — 13:00
375 589 9446
[email protected]

Viva Vittoria

Mer 15 18 | Gio, Sab 15 — 18.30
[email protected]

Dams Unicatt

030 240 61

Makers Hub

Lun – Ven 10:00 — 18:00 | Sab 15:00 — 18:00
030 297 8831
[email protected]

Avisco

Lun, Gio 14:00 — 18:00
030 252 1107
[email protected]

Super

Volontari per Brescia

 

Tutti in TRAP

333 5658864 [email protected]    riceve su appuntamento

Mer, Ven 15:00 — 18:00 [email protected]  per prenotazione laboratori

Laboratori: Lun 15:00 — 17:00

Chiusure speciali

1 gennaio 2024

Art Bonus

MO.CA partecipa all’Art Bonus, un’iniziativa adottata dal Governo italiano per favorire il mecenatismo a sostegno della cultura e permettere il finanziamento di progetti per migliorare l’accesso al patrimonio.