MO.CA

MO.CA

MO.CA

30.04

Il Corpo Eterno: L’odore della polvere, del potere, dell’eternità

ore 17:30

Sala Danze

Un evento in collaborazione con DASTE Bergamo

A cura di Elena Giulia Abbiatici

Ingresso libero

Polvere come anti-pigmento, stratificazione di cromie nocive. Polvere come deposito, bassorilievo su tela dei paesaggi. Polvere atmosferica incontrollabile che permea gli spazi e disvela la storia dei luoghi. Polvere come tempo sedimentato e reciso insieme. Tele di polvere e sculture olfattive a raccontare il gioco del potere.
Una polvere bianca e spinosa che oscura la vista è l’anticamera di Per l’eternità, una scultura olfattiva di Luca Vitone presentata al Padiglione Italiano della Biennale di Venezia 2013, a memoria e denuncia delle stragi silenti provocate dal materiale edilizio eternit (da aeternitas). Per l’eternità sviluppa un cortocircuito fra la resistenza del materiale e le morti provocate per inalazione delle sue particelle spinose, a creare una polvere bianca che oscurava la vista. In A tale of forked tongues, opera recente dell’artista, si narra un’altra esercizio di potere, che può essere definito come l’inizio delle moderne guerre batteriologiche. L’opera infatti racconta un fatto avvenuto nel 1763 nella regione dei grandi laghi nel nord America quando l’esercito britannico, durante la cosiddetta Guerra di Pontiac, ha pensato di donare delle coperte militari e dei foulard agli indiani Ottawa, contaminandole col virus inodore del vaiolo.In dialogo con Luca Vitone e Tania Gianesin, mediatrice culturale, cercheremo proprio di indagare questo filo invisibile della tossicità dell’aria, molto spesso inodore, che colpisce i nostri ambienti civili, sociali e lavorativi e che contribuisce ad alimentare quello che il filosofo Peter Sloterdijk ha magnificamente racchiuso nell’espressione terrore dell’aria.

Il progetto è promosso da DASTE Bergamo in collaborazione con MO.CA – Centro per le nuove culture in occasione di Bergamo Brescia Capitale Italiana della Cultura 2023

Orari di chiusura: 18:30

Luca Vitone (Genova, 1964). Vive tra Berlino e Milano.
La nozione di luogo occupa un posto centrale nel lavoro di Vitone. Intorno a questo
concetto, indagato attraverso diverse discipline – fra cui geografia, sociologia, letteratura, antropologia –, l’artista ha elaborato una pratica che si avvale di tutti i media artistici.
Formatosi presso il DAMS a Bologna, partecipa a diversi collettivi che animano la scena
cittadina (fondamentale l’esperienza del Link). Negli anni Novanta si trasferisce a Milano,
quindi nel 2010 a Berlino. Dalla pratica del viaggio l’artista trae costantemente nuovi temida affrontare, fra cui ricorrono l’anarchia, il nomadismo, la memoria, l’identità nazionale.
Nelle sue analisi d’impronta concettuale, Vitone ha impiegato strumenti come la
cartografia, la cultura materiale – il cibo e la musica in modo particolare, spesso in chiave
relazionale – oppure riletto la tradizione del monocromo utilizzando pigmenti inusuali e
l’idea di scultura usando oggetti invisibili olfattivi che ricreano elementi che non hanno
odore.

Tania Silvia Gianesin lavora in ambito socioculturale. Con un focus su metodi educativi non convenzionali ad approccio multidisciplinare e sinestetico.
Co-fondatrice e Board member di Moleskine Foundation, la cui mission è Creativity for Social Change. Appassionata di “reti umane”, si occupa di networking, partnership, fundraising e di consulenze strategiche e manageriali in diversi settori socioculturali.
Crede fermamente che tutte le discipline creative possano dialogare tra di loro: musica, design, danza, architettura, filosofia…e ciascuna di esse con le discipline scientifiche. Per “un’ecologia della mente e del cuore”, parafrasando Gregory Bateson.

Potrai disiscriverti in qualsiasi momento cliccando il link nel footer delle nostre comunicazioni e-mail, oppure contattandoci.
We use Mailchimp as our marketing platform. By clicking below to subscribe, you acknowledge that your information will be transferred to Mailchimp for processing. Learn more about Mailchimp’s privacy practices here.

Richiesta Sale

MO.CA è un centro culturale italiano che offre l’opportunità di celebrare cerimonie, organizzare mostre ed eventi privati nelle sale nobili di Palazzo Martinengo Colleoni.
Le sale a disposizione si trovano al piano terra e al primo piano. 

Bandi

MO.CA è un centro culturale che promuove attività di ricerca e nuove idee d’impresa.
Partecipa ai bandi sotto riportati e verifica le scadenze. C’è bisogno di te!

Nessun bando attualmente aperto

Orari

& Contatti

MO.CA Uffici

Lun / Gio 9:00 — 17:30
Ven 9:00 — 16:00
030 297 8831
[email protected]

Ma.Co.f
Centro della Fotografia Italiana + Biblioteca Amaduzzi

Mar / Dom 15:00 — 19:00
366 380 4795
[email protected]

Idra Teatro

Lun / Ven 9:30 — 18:00
339 296 8449
[email protected]

Informagiovani

Lun 10:00 — 13:00
Mar, Mer, Ven 15:00 — 18:00
Gio 17:30 — 20:30
342 099 5792
[email protected]

Urban Center Brescia

Lun / Ven 9:00 — 12:00 | 14:30 — 17:00
030 297 8770
[email protected]

Bazzini Consort

Lun / Ven 10:00 — 13:00
375 589 9446
[email protected]

Viva Vittoria

Mer 15 18 | Gio, Sab 15 — 18.30
[email protected]

Dams Unicatt

030 240 61

Makers Hub

Lun – Ven 10:00 — 18:00 | Sab 15:00 — 18:00
030 297 8831
[email protected]

Avisco

Lun, Gio 14:00 — 18:00
030 252 1107
[email protected]

Super

Volontari per Brescia

 

Tutti in TRAP

333 5658864 [email protected]    riceve su appuntamento

Mer, Ven 15:00 — 18:00 [email protected]  per prenotazione laboratori

Laboratori: Lun 15:00 — 17:00

Chiusure speciali

1 gennaio 2024

Art Bonus

MO.CA partecipa all’Art Bonus, un’iniziativa adottata dal Governo italiano per favorire il mecenatismo a sostegno della cultura e permettere il finanziamento di progetti per migliorare l’accesso al patrimonio.